IL GATTO SORNIONE E MARPIONE

CONSIGLI AI MARZIANI SULLA LITIGIOSITÀ UMANA
27 Agosto 2021
DOV’È CRISTO ORA? CHE FA? CHE COSA FARÀ?
1 Settembre 2021
Mostra tutto

IL GATTO SORNIONE E MARPIONE

28 agosto 2021

 

Si dice che il gatto sia sornione e marpione in alcuni suoi atteggiamenti. Tali movenze ricordano quelle del nemico principale della chiesa locale. Chi è? Si tratta dell’eretico (più o meno consapevole di quello che fa: dipende dalla materia cerebrale che possiede, di solito poca), che, ad un certo punto, e spesso all’improvviso, comincia a tormentare la chiesa. Nessuna chiesa è immune dall’eretico. Bisogna mettersi il cuore in pace e alzare, allo stesso tempo, le antenne.

 

DEFINIZIONI

Ricordiamo quelle del sempre fidato Vocabolario on line Treccani:

sornióne agg. e s. m. (f. -a) [etimo sconosciuto] – Che sa dissimulare i propri sentimenti e le proprie intenzioni sotto un’apparenza bonaria e indifferente; che sa fingere abilmente, calcolatamente.

marpióne s. m. [dal francese morpion, propriamente «piattola», composto di mords (imperativo di mordre «mordere») e pion «pedone, soldato»]. – Persona scaltra, senza scrupoli, che approfitta di ogni situazione volgendola a proprio vantaggio. Con valore attenuato, e spesso scherzoso, furbacchione.

 

AMORE PER IL POTERE: IO MEGLIO DI DIO

L’eretico imperversa nella chiesa per ottenere la primazia, il potere (3Gv 9). Perché? Semplice: perché non ne può fare a meno. Dato che il suo io è più potente di Dio, conquistare la massima autorità lo manda fuori di testa, in visibilio, lo attizza, è la sua droga, sicché farà di tutto pur di acquisirla. Si dirà: ma che potere vuoi avere nella chiesa locale, composta spesso di poche persone? Per infiammarsi del massimo godimento perverso, all’eretico basta soggiogare anche poche persone, renderle succube di lui o lei (anche la donna può essere un’eretica: vedi la Iezabel di Ap 2:20, che infuria nella chiesa di Tiatiri: «Ma ho questo contro di te: che tu tolleri Iezabel, quella donna che si dice profetessa e insegna e induce i miei servi a commettere fornicazione, e a mangiare carni sacrificate agli idoli»). L’eretico ha una mentalità scellerata che lo porta a compiere atti maligni. Noi non lo capiamo perché non siamo fatti della sua pasta, ma lui si capisce da solo, eccome! E ciò gli basta e avanza.

 

DIFFICOLTÀ DEI CRISTIANI NEI CONFRONTI DEGLI ERETICI

Non essendo fatto della pasta dell’eretico, il cristiano secondo il N.T. si trova talvolta in gravi difficoltà di fronte ai comportamenti del gattone. L’eretico ha tempi e modi tutti suoi. Spesso ci sorprendiamo della sua pazienza: ha aspettato anni e anni prima di ghermire. Ma come? Non era quello buono, bravo e via dicendo? Ha dissimulato le sue idee sotto un’apparenza bonaria. Ha finto per tutto questo tempo, in modo calcolato e abile. Ma noi non ci siamo mai accorti del pericolo incombente? No, perché il cristiano non pensa il male, ma il bene.

L’eretico è una persona (che si dice credente in Cristo, ma non lo è perché crede solo in se stesso) assai scaltra; è un furbacchione senza scrupoli che approfitta di alcune situazioni per volgerle a proprio vantaggio. Ma, allora, il gatto sornione e marpione è più intelligente degli altri cristiani? Assolutamente no: è solo assai più malvagio, pronto e furbo nel fare il male, nel tentativo di rovinare la chiesa locale. Esattamente, come fa il suo padre spirituale: Satana (“avversario”, in ebraico), il diavolo (“colui che disunisce”, in greco). Anzi, di solito l’eretico non ha neppure tanta materia cerebrale: è un poveraccio che cerca di corrompere altri poveracci peggio di lui.

Le chiese (con o senza ministri di Dio) hanno sempre e comunque il dovere di vegliare sulla presenza di eretici al loro interno. Ne va della sopravvivenza spirituale del Regno di Cristo (Col 1:13). È bene ripetere: occorre vigilare attentamente, cercando di scoprire i segni premonitori dell’eresia. Certo, come già detto, non è facile coglierli, specie nel tempo lungo, perché i cristiani sono affatto diversi dagli eretici: si tratta di due mondi collocati a poli opposti.

Ci scusiamo con il gatto per averlo preso a modello di persone del genere. Per ristabilire la pace, ci faccia pure un sorrisetto sornione sotto i baffetti!

 

Arrigo Corazza

 

In questo sito, sull’eresia vedere:

– nella sezione SCHEMI, L’eresia nel N.T. (tre approfondimenti);

– nella sezione STUDI, Non tutto rose e fiori … chiesa ed eresia;

– nella sezione STUDI, Diotrefe, il solito papetto.